Milano Industry Days – MID by MFN

I Milano Industry Days – MID by MFN, sono le giornate del cinema indipendente italiano a Milano. Dal 2015, è l’evento industry dedicato a un pubblico di professionisti del settore con cui si concludono i due progetti che Milano Film Network dedica a due fasi fondamentali del lavoro su un film, lo sviluppo e la post-produzione: In Progress e L’Atelier MFN.

I vincitori della 5ª edizione di

MILANO INDUSTRY DAYS – MID by MFN

con il contributo di MIBAC – Direzione Generale Cinema e Comune di Milano

in collaborazione con Lombardia Film Commission,

Civica Scuola di Cinema “L. Visconti”, Filmmaker Festival

Per il quinto anno consecutivo, Milano Film Network (MFN) ha rinnovato le sue giornate professionali rivolte al mondo del cinema italiano indipendente. Due giorni di presentazioni di copie lavoro di film in lavorazione, networking e incontri di formazione in cui sono stati presentati i finalisti del fondo di sostegno ai film in post produzione della 5a edizione di L’Atelier MFN e hanno avuto luogo le masterclass del nuovo format In progress Lab.

Mercoledì 20 novembre, il Cinemino: L’ATELIER MFN, il primo fondo di sostegno alla post-produzione di lungometraggi italiani.

Si è conclusa la 5a edizione di L’Atelier MFN, l’evento industry con cui MFN intende dare un aiuto concreto ai film in lavorazione oltre che un’opportunità di networking ai registi e produttori italiani con lo scopo di facilitare l’accesso al mercato e al circuito dei festival internazionali dei loro film in progress.

Al workshop, condotto dalle curatrici di L’Atelier Alice Arecco e Alessandra Speciale con la collaborazione di Antonio Pezzuto, hanno partecipato 67 accreditati industry tra registi, produttori, distributori, buyer, commissioning editor, direttori e programmatori di festival italiani e internazionali.

I registi e produttori dei 5 work in progress selezionati (su 43 film iscritti al bando)

Divinazioni, di Leandro Picarella

Europa, di Haider Rashid

Spaccapietre, di Gianluca e Massimiliano De Serio

This is Italian Warship, di Valentina Pellitteri

L’uomo delle caverne, di Tommaso Landucci

hanno presentato un estratto di 30 minuti dei loro film e, alla fine delle proiezioni, sono stati organizzati due ore di incontri one-to-one e un networking cocktail.

Tra i festival internazionali e nazionali presenti: Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, Mostra del Cinema di Venezia, Giornate degli Autori di Venezia, Settimana della Critica di Venezia, Locarno Film Festival, Festival Annecy Cinéma Italien, Torino Film Festival, Visions du Réel – Nyon, Festival dei Popoli, Pesaro Film Festival, Trieste Film Festival, Torino Film Lab. Tra i commissioning editor televisivi e distributori internazionali e nazionali: Rai Cinema, LaEffe, Fandango, Intramovies, MovieDay, Picture Tree International, Academy Two.

La Giuria, composta dai partner di L’ATELIER MFN (Valentina Andreoli, Riccardo Annoni, Carlotta Cristiani, Alberto Fusco, Massimo Mariani) e presieduta da Paolo Moretti, Delegato Generale della Quinzaine des Réalisateurs di Cannes, ha assegnato i seguenti premi:

-Premio Milano Film Network di 4.500 euro

Spaccapietre, di Gianluca e Massimiliano De Serio, produzione La Sarraz Pictures

con la seguente motivazione: trascendendo e amplificando un episodio autobiografico il progetto prende dimensioni epocali e affronta un soggetto drammaticamente contemporaneo con un approccio estetico particolarmente sensibile e originale.

-QColor@ProximaMilano Award, 1 color grading offerto da Proxima Milano

Europa, di Haider Rashid, produzione Radical Plans

– 1 color grading offerto da Start (il premio consiste in una settimana di studio escluso l’operatore) e 1 sound design e mix offerti da Fullcode (il premio consiste in 5.000 euro cor rispondenti a 2 settimane di lavoro escluso il controllo in sala cinematografica)

Divinazioni, di Leandro Picarella, produzione Qoomoon

-1 master DCP offerto da Proxima Milano

L’uomo delle caverne, di Tommaso Landucci, produzione DocLab– 1 master DCP sottotitolato “on screen” offerto da Start

This is Italian Warship, di Valentina Pellitteri, produzione BoFilm

Grazie alla partnership con i MID, attivata a partire dal 2017, When East Meets West del Trieste Film Festival 2020 inviterà a gennaio il film vincitore Spaccapietre a partecipare alla sezione dedicata a lungometraggi italiani in post-produzione This Is IT.

La Giuria non ha potuto assegnare quest’anno due premi: il premio FICTS, per “un’opera che promuova la cultura delle discipline sportive attraverso il potere dell’immagine”, poiché i work in progress selezionati non erano attinenti a tematiche sportive, e il premio di tutoring di montaggio poiché le copie lavoro erano a uno stadio troppo avanzato di montaggio o avevano il montaggio già assicurato con professionisti altri.

Martedì 19 e giovedì 21 novembre alla Civica Scuola di Cinema “Luchino Visconti hanno avuto luogo gli incontri formativi di In Progress LAB, indirizzati a un pubblico di studenti di cinema, giovani autori, produttori e professionisti dell’audiovisivo nell’ottica di offrire una visione dall’interno dei problemi creativi, organizzativi e distributivi. Il cinema è creatività e industria in egual misura e, per capirne le dinamiche, il Milano Film Network e Filmmaker Festival hanno creato questo nuovo format dedicato agli studenti della scuola ma aperto a tutti coloro che si trovano ad affrontare gli inizi del proprio percorso professionale nel mondo del cinema.

Eddie Bertozzi (programmer della Settimana della Critica di Venezia e buyer per Academy Two) ha tenuto una lezione su “Promozione e distribuzione: due o tre cose che è bene sapere prima di cominciare” in dialogo con Luca Mosso (Filmmaker Festival), mentre Paolo Moretti (Delegato Generale della Quinzaine des Réalisateurs di Cannes) ha dato alcuni importanti consigli sulla partecipazione ai festival nel suo “Decalogo festivaliero per giovani autori”, condividendo con i giovani aspiranti registi e produttori presenti la sua preziosa esperienza di programmatore nei più importanti festival del mondo; il terzo incontro invece è stato tenuto dal regista iracheno di fama internazionale Abbas Fahdel (regista di Homeland e Bitter Bread in concorso a Filmmaker Festival quest’anno) ,su “Sguardo politico e ricerca della forma” condotto da Cristina Piccino (Il Manifesto).

www.milanofilmnetwork.it

Con il sostegno di:


 

In collaborazione con: